[ Salta il menu e vai direttamente al contenuto ]

I comunicati e le note stampa:

Comunicato stampa n. 75 del 30 novembre 2017: Piemonte all'avanguardia nella lotta allo Scompenso Cardiaco. Impiantato al SS Trinità di Borgomanero un nuovo dispositivo per la cura dello Scompenso Cardiaco
Ancora una volta il Piemonte si dimostra attento alle nuove tecnologie mediche e, all'Ospedale S.S. Trinità di Borgomanero dell'ASL NO, è stato impiantato per la prima volta un dispositivo per il trattamento dello scompenso cardiaco attraverso una nuova terapia che modifica la contrattilità delle cellule cardiache.
L'intervento, effettuato dalla dott.ssa Paola Paffoni, insieme al dott. Umberto Parravicini - Direttore della S.C. di Cardiologia - e alla sua équipe, è durato circa cinquanta minuti in anestesia locale ed é perfettamente riuscito.
Il dispositivo impiantato, sebbene molto simile a un comune pacemaker, genera degli impulsi elettrici ad alto voltaggio che non hanno come scopo la produzione del battito cardiaco, ma determina una rimodulazione del metabolismo del calcio.
Nel cuore scompensato, infatti, si riduce l'attività dei geni e delle proteine che promuovono il rilascio del calcio nella cellula cardiaca. La sua concentrazione intracellulare si riduce e così la capacità della cellula di contrarsi e del cuore di pompare il sangue nel sistema circolatorio.
Con la stimolazione erogata da questo nuovo dispositivo nota come CCM (Cardiac Contractility Modulation) si verifica una progressiva riattivazione di geni e proteine che regolano il rilascio del calcio nella cellula, aumentandone la disponibilità con un miglioramento della funzione del cuore.
I malati di scompenso cardiaco che non rispondono alle terapie attualmente disponibili, farmacologica, terapia resincronizzante cardiaca e che non possono essere inclusi nelle liste trapianto, potranno beneficiare di questo trattamento.
L'insufficienza cardiaca costituisce un problema di salute pubblica di enorme rilievo - afferma Umberto Parravicini - a soffrire di scompenso cardiaco in Italia sono 600mila persone e si stima che la sua frequenza raddoppi ad ogni decade di età.
In Piemonte i ricoveri rappresentano il 2,2% del totale dei ricoveri, quasi 12mila l'anno.
Dopo i 65 anni arriva al 10% circa e rappresenta la prima causa di ricovero in ospedal
e.
La ricerca scientifica fornisce però oggi nuove terapie per far fronte allo scompenso cardiaco - prosegue - Il Piemonte si dimostra ancora una volta all'avanguardia nell'adozione di nuove terapie efficaci nella lotta allo scompenso cardiaco e l'Ospedale di Borgomanero costituisce uno dei punti di riferimento nella gestione di pazienti con questa patologia.

Nota stampa n. 74 del 23 novembre 2017: Possibili disagi sulle linee telefoniche dell'ASL NO
Si comunica che a seguito della sostituzione della centralina telefonica dell'ASL NO e dei relativi apparecchi, potrebbero esserci difficoltà momentanee nel mettersi in contatto con i Servizi Sanitari dell'Azienda Sanitaria.
L'intervento è finalizzato a garantire una rete telefonica più efficiente, pertanto, ci scusiamo per gli eventuali disagi che potrebbero verificarsi in questa fase di transizione e, assicuriamo che stiamo facendo il possibile per eliminare, entro breve, le possibili criticità.

Comunicato stampa n. 73 del 21 novembre 2017 "RENDIAMO VISIBILE L'INVISIBILE". Incontro medici-pazienti presso l'Ospedale SS. Trinita' di Borgomanero - 25 novembre 2017 - AMICI ONLUS
Il 25 novembre 2017 a Borgomanero, presso l'Aula Magna dell'Ospedale SS. Trinità dell' ASL NO in viale Zoppis 10/4, avrà luogo l'incontro medici-pazienti, organizzato dall'Associazione AMICI Onlus e dalla Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva diretta dalla dott.ssa Laura Broglia, insieme al referente dell'ambulatorio delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI), dott. Giovanni Comi.
Si parlerà innanzitutto di profilo di sicurezza dei farmaci utilizzati nelle MICI e di aspetti psicologici nelle patologie croniche.
Si ritiene che ci siano oggi in Italia circa 200.000 persone malate di Colite Ulcerosa e di Crohn, compresi in tutte le fasce di età. Attualmente, non si conoscono le cause di tali malattie e, conseguentemente, non esiste alcuna terapia risolutiva; il numero di persone colpite è destinato, dunque, ad aumentare.
Tali malattie colpiscono sempre più anche i bambini, che si trovano a convivere con questo problema per tutto l'arco della loro vita.
Tutte queste persone vanno incontro a problemi non piccoli nella vita di tutti i giorni.
L'associazione "Amici Onlus", che intende intende rendere più accettabile e fruibile la vita dei pazienti, è costituita da persone affette da Colite Ulcerosa o Malattia di Crohn e dai loro familiari, non ha fini di lucro ed è attualmente presente su tutto il territorio nazionale.
Comitati di medici specialisti affiancano l'associazione sulle tematiche medico-sociali e coordinano le iniziative di studio e di ricerca a carattere più strettamente medico-scientifico.
Nel dicembre 2015 l'Associazione "AMICI Onlus" ha partecipato, su invito personale del Presidente Mattarella, alla celebrazione della Giornata Internazionale del Volontariato che si è tenuta a Quirinale.
Nell'ottobre 2016, il Presidente della Repubblica, su indicazione del Ministro della Salute, in occasione della cerimonia di consegna delle benemerenze sanitarie, ha conferito ad "AMICI Onlus" la "Medaglia d'oro al Merito della Sanità Pubblica".
È un importante riconoscimento, che ha visto "AMICI Onlus" vicini ad associazioni e personalità del mondo dell'assistenza e della sanità tra i più qualificati in Italia.
"AMICI Onlus" intende garantire un più sereno inserimento nell'ambito familiare e sociale ad ammalati cronici la cui condizione è sconosciuta all'opinione pubblica e alla legislazione sociale.
Con tale scopo invita tutti i malati di Colite Ulcerosa e di Crohn, insieme ai loro familiari a partecipare gratuitamente all'incontro.

Comunicato Stampa n. 72 del 15 novembre 2017: Le malattie professionali in Piemonte: gli obblighi e la qualità delle segnalazioni - Giornata formativa il 22 novembre 2017 a Novara
Mercoledì 22 novembre 2017 si terrà la giornata formativa dal titolo: "Le malattie professionali in Piemonte: gli obblighi e la qualità delle segnalazioni" presso il Parco del Welfare [via Baveno, 2] a Novara.

L'evento è promosso dal Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro (SPRESAL) del Dipartimento di Prevenzione dell'ASL NO e si rivolge a Medici Competenti, Medici di Medicina Generale, Medici delle Strutture Sanitarie, Medici SPRESAL, Infermieri Professionali e Assistenti Sanitari.
Il corso si propone di fornire un quadro aggiornato sull'andamento delle malattie professionali nel territorio dell'ASL NO e gli strumenti per la corretta segnalazione dei casi agli Enti preposti.
Il corso si aprirà alle 8,45 con l'introduzione e definizione del fenomeno delle malattie professionali da parte del Direttore dello SPRESAL dell'ASL NO, Ivana Cucco e proseguirà sino alle 17,30 con gli interventi dei relatori sui diversi aspetti della salute e sicurezza del lavoro trattando diversi ambiti: legale, medico, infortunistico, di prevenzione (Giovanna Caspani Sostituto Procuratore della Repubblica di Novara; Maurizio Coggiola, Dirigente Medico AOU Città della Salute e della Scienza di Torino; Carla Corsi Dirigente Medico INAIL; Fabrizio Ferraris Direttore SPRESAL ASL BI; Alessandro Ferraro e Sabrina Finotto Dirigenti Medici SPRESAL ASLBI; Gianfranco Zulian Direttore Dipartimento di Prevenzione e Direttore Medicina Legale ASL NO; Paolo Lissoni Dirigente Medico Medicina Legale ASLNO e Benedetta Persechino Ricercatore INAIL diMEILA Monteporzio Catone).
Per informazioni sul corso, accreditato ECM (n. 6 crediti) contattare la Segreteria organizzativa allo 0321 374715/489 oppure inviare un'email a spresal.nov@asl.novara.it
Sul tema dei danni da lavoro l'attenzione dei mezzi di informazione si concentra esclusivamente sul fenomeno infortunistico, mentre viene quasi del tutto ignorato il fenomeno delle malattie professionali - afferma Ivana Cucco, Direttore SPRESAL ASL NO - E' un fenomeno che resta in gran parte sconosciuto anche perché molte malattie di origine professionale non vengono segnalate alle istituzioni competenti e sfuggono così sia alle rilevazioni epidemiologiche che alla possibilità di effettuare interventi di prevenzione a favore dei lavoratori o di giusto indennizzo.
Il Piano Regionale della Prevenzione 2014/2018 prevede dunque di promuovere iniziative finalizzate al miglioramento qualitativo e quantitativo delle segnalazioni di malattia professionale, tenendo conto della criticità legata ala sottonotifica delle stesse e la complessità della materia .

Comunicato stampa n. 71 del 14 novembre 2017: L'altra faccia dell'amore. L'ASL NO aderisce alla giornata del 25 novembre contro la violenza alle donne
Ogni giorno assistiamo alla reiterazione di violenze e omicidi ai danni di donne; l'ASL NO di Novara è attenta al fenomeno per fronteggiare efficacemente questa emergenza sociale.
Gli obiettivi sono quelli di mantenere vivo l'interesse, sensibilizzare nel modo più ampio ed efficace, promuovere la cultura del rispetto.
Le iniziative formative organizzate negli anni hanno avuto lo scopo di sensibilizzare il personale socio sanitario sulla tematica della violenza di genere; far conoscere le azioni di prevenzione atte a contrastare il fenomeno; applicare procedure univoche per rendere sempre più efficiente ed efficace l'operatività dei soggetti coinvolti nella rete territoriale; conoscere i Centri di Riferimento per effettuare un corretto invio; aumentare la consapevolezza della responsabilità individuale rispetto al caso.
Sono stati redatti protocolli aziendali condivisi, che affrontano il problema dal punto di vista assistenziale sanitario, permettendo agli operatori di prendersi cura della donna in tutte le fasi del suo doloroso e difficile percorso di affrancamento. E' stata realizzata la cosiddetta stanza "rosa" dedicata alle vittime di violenza.
Il 25 novembre ricorre la giornata internazionale contro la violenza alle donne: le scarpe rosse, sono diventate simbolo della lotta contro la violenza, grazie ad un'artista Elina Chauvet che le utilizzò per la prima volta in un'esposizione davanti al Consolato messicano di El Paso, in Texas, per ricordare le centinaia di donne uccise nella città messicana di Juarez.
Il CUG [Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni] dell'ASL NO ha realizzato negli anni diverse iniziative finalizzate alla parità di genere e al superamento delle discriminazioni anche quest'anno aderisce all'evento del 25 novembre.
E' stato chiesto al personale di "dire basta alla violenza" attraverso un gesto tangibile (indossando qualcosa di rosso, uno slogan, un poster o altro ancora) che esprima il dissenso rispetto alla violenza perpetrata nei confronti delle donne - afferma Marinella Alberganti Presidente del CUG dell'ASL NO - E' stato rivolto un invito a tutti i dipendenti e in particolare agli uomini, di esprimere un pensiero con una frase sul tema, pensieri che saranno raccolti e pubblicati tramite i canali multimediali ed esposti in una mostra presso la sede legale dell'ASL NO in viale Roma, 7 a Novara, visibile negli orari di apertura al pubblico dal 20 al 27 novembre 2017.
Occorre agire sul cuore e sul cervello perché la violenza è frutto di un retaggio culturale che vuole ribadire, secondo schemi antichi come la storia dell'uomo, il potere e il controllo sulla donna che chiede di essere riconosciuta come persona.
Dobbiamo impegnarci, anche attraverso questi gesti, ad interrompere la spirale della violenza che vuole fare tacere le donne fino a rischiare la propria vita e quella dei propri figli.

Comunicato stampa n. 70 del 13 novembre 2017: Giornate Borgomaneresi di Medicina D'Urgenza- Giornata formativa il 15 dicembre 2017 a Borgomanero
Venerdì 15 dicembre 2017 si terrà la quarta edizione del corso dal titolo "Giornate borgomaneresi di Medicina d'urgenza" nell'Aula Magna del Presidio Ospedaliero di Borgomanero dell'ASL NO [viale Zoppis, 10], rivolto a personale Medico e Infermieristico dell'ASL NO e di altre Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere.

Il corso si propone di aggiornare gli operatori sanitari in merito alle problematiche cliniche e ai percorsi in medicina d'urgenza per ottimizzare gli interventi in termini di appropriatezza.
Il corso si aprirà alle 8.30 con la presentazione della giornata da parte del dott. Claudio Didino, Direttore della S.C. Medicina e Chirurgia d'Accettazione e d'Urgenza [MECAU] dell'ASL NO e proseguirà sino alle 13.00 con gli interventi dei relatori sulle diverse declinazioni dell'emergenza/urgenza trattando diversi ambiti: nefrologico, cardiologico, ortopedico e psichiatrico (Tamara Ferrante e Mauro Petrarulo Dirigenti Medici MECAU, Davide Scilironi CPSI MECAU, Paola Carpani e Paolo Colombo Dirigenti Medici di Nefrologia, Carlo Cattaneo Dirigente Medico SPDC, Stefano Maffé Dirigente Medico di Cardiologia e Andrea Reggiori Dirigente Medico di Ortopedia Traumatologia).
Le iscrizioni al corso, accreditato ECM (n. 5 crediti), possono essere effettuate tramite il portale ECM Piemonte www.ecmpiemonte.it; per informazioni rivolgersi alla segreteria organizzativa S.C. Governo Clinico e Sviluppo Strategico dell'ASL NO - tel. 0322 848688 oppure email: formazione@asl.novara.it
Il corso, in un'ottica di aggiornamento professionale continuo, vuole offrire un ulteriore strumento per l'acquisizione e l'approfondimento delle competenze del personale che opera in ambito sanitario rispetto alla medicina d'urgenza - afferma Claudio Didino, Direttore S.C. MECAU - finalizzate a garantire sempre più prestazioni qualitativamente efficaci e appropriate ai bisogni di salute espressi dalla popolazione.

Comunicato stampa n. 69 del 9 novembre 2017: D'amore e con amore. Il teatro parla di salute con "amore". Borgomanero, 2 dicembre 2017
Sabato 2 dicembre 2017, alle 20.30 il Teatro Don Bosco di Borgomanero
vedrà esibirsi sul proprio palcoscenico un grupo di attori impegnati nel recital "D'amore e con amore. Viaggio semiserio nella poesia e nella musica del '900".
L'evento organizzato dall'Associazione "Mimosa Amici del Day Hospital oncologico di Borgomanero con il patrocinio dell'ASL NO, della Rete Oncologica Piemonte e Valle D'Aosta, del Comune di Borgomanero dell'Associazione F.A.V.O. di Europa Donna e dell'Associazione Terre della Croatina vuole essere l'occasione per addentrarsi nella poesia e nella musica del '900, attraverso un viaggio che parla d'amore nelle sue molteplici declinazioni.
Il racconto viene teatralizzato attraverso la poesia di alcuni degli autori più noti del novecento e la musica leggera.
Due modalità di raccontare diverse e complementari per arrivare al cuore, utilizzati tra il serio e il divertente e intervallati da racconti di vita.
La salute è un bene prezioso, che ciascuno di noi deve tutelare; l'arte diventa uno tra gli strumenti a disposizione di ognuno di noi per migliorare la quotidianità e la qualità di vita attraverso la sublimazione del bello - afferma Incoronata Romaniello Direttore della Struttura di Oncologia dell'ASL NO e Presidente dell'Associazione - questo spettacolo vuole offrire una dimensione olistica della vita che considera l'individuo come un'unità-totalità e una visione nuova della salute alle persone che hanno a cuore e si prendono cura del proprio benessere .
Al termine dello spettacolo, un momento conviviale, verrà infatti offerta una cioccolata calda dall'Associazione Terre della Croatina a tutti coloro che vorranno fermarsi.

Comunicato stampa n. 68 del 6 novembre 2017: Sciopero generale 10 novembre 2017

Le Associazioni Sindacali Cib-Unicobas, Cobas, Usb, Usi, (Largo Veratti 25 - Roma) e O.r.s.a. Territoriale hanno indetto uno sciopero nazionale generale di tutte le categorie e comparti pubblici e privati, per tutto il personale a tempo indeterminato e determinato, con contratti precari e atipici, compreso quello del comparto scuola, docente, dirigente e A.T.A. di ogni ordine e grado, per l'intera giornata di venerdì 10 novembre 2017. I servizi erogati dall'ASL di Novara, in conseguenza di tale sciopero potranno, pertanto, subire interruzioni o ritardi, fatti salvi quelli indispensabili garantiti per legge.

[ Torna all'inizio della pagina ]


[ Torna all'inizio della pagina ]


[ Torna all'inizio della pagina ]


[ Torna all'inizio della pagina ]