[ Salta il menu e vai direttamente al contenuto ]

I cittadini che soggiornano temporaneamente presso la A.S.L. hanno diritto alla scelta del medico convenzionato, per usufruire dell'assistenza sanitaria di base, purché ricorrano determinate condizioni:

  • la permanenza nel comune di domicilio temporaneo sia per un periodo superiore ai tre mesi;
  • tale permanenza sia dovuta a motivi di lavoro, studio o malattia;
  • si provvede all'iscrizione temporanea solo previo accertamento dell'avvenuta cancellazione dell'assistito dagli elenchi dei medici di medicina generale o dei pediatri di libera scelta dell'ASL di residenza.

L'iscrizione temporanea presso la A.S.L. può avere durata massima di dodici mesi rinnovabili.
I cittadini italiani residenti all'estero che rientrano temporaneamente in Italia e non hanno alcuna copertura assicurativa (pubblica o privata) per le spese sanitarie, hanno diritto alle prestazioni urgenti per le malattie insorte entro 90 giorni dal loro ingresso nel territorio nazionale, con oneri a carico del SSN, purché siano titolari di pensione corrisposta dallo Stato o da Ente Previdenziale Italiano od abbiano lo status di emigrato certificato dall'Ufficio Consolare Italiano territorialmente competente, in base alla circoscrizione di residenza.
Tale forma di assistenza si applica una sola volta nell'anno solare.

[ Torna all'inizio della pagina ]