[ Salta il menu e vai direttamente al contenuto ]

Torna alla pagina precedente:

[ Torna all'inizio della pagina ]


Igiene Alimenti e Nutrizione:

STRUTTURA COMPLESSA IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

ISPETTORATO MICOLOGICO
Dirigente Medico Responsabile:
dott.ssa Silvana Pitrolo

CENTRO DI CONTROLLO MICOLOGICO PUBBLICO

Responsabile: Dirigente Medico - Esperto Micologo dott. ssa Silvana Pitrolo

Operatori:
- Tecnico della Prevenzione - Esperto Micologo Fausto Bovio;
- Tecnico della Prevenzione - Esperto Micologo Valentina Imazio;
- Tecnico della Prevenzione - Esperto Micologo Massimo Fossati

Sedi Operative:
Novara, viale Roma n. 7 - tel. Segreteria 0321/374302/8
Borgomanero, viale Zoppis n. 6 - tel. Segreteria 0322/848363
Arona, p.zza De Filippi n. 2 - tel. Segreteria 0322/516527

Valutazione di commestibilitÓ a favore dei privati raccoglitori: ModalitÓ per l'accesso del pubblico all'Ispettorato Micologico

PROTOCOLLO OPERATIVO
L'accesso all'Ispettorato Micologico dei raccoglitori che intendono sottoporre ad esame di commestibilitÓ i funghi raccolti Ŕ disciplinato secondo le indicazioni che seguono
- L'accesso Ŕ liberamente consentito, negli orari e modi stabiliti
- Il controllo della commestibilitÓ viene effettuato gratuitamente dal personale del Centro di controllo micologico del S.I.A.N.
- Gli orari di apertura e di consulenza nelle varie sedi vengono stabiliti annualmente, il Personale Ŕ, comunque, a disposizione, compatibilmente con le esigenze di servizio, a fornire consulenza previo appuntamento telefonico anche in momenti diversi da quelli previsti d'ufficio.
All'esame di commestibilitÓ il privato raccoglitore deve sottoporre l'intero quantitativo raccolto, e nel pi¨ breve tempo possibile. I funghi devono essere presentati alla visita per il controllo in contenitori idonei, rigidi e forati (cestini ed analoghi contenitori).

I funghi sottoposti a visita devono essere:
- Freschi (non congelati o scongelati, non essiccati, non diversamente conservati)
- Interi (non recisi o tagliati, non spezzettati, non lavati, non raschiati o comunque privi di parti essenziali utili alla loro determinazione)
- Sani ed in buono stato di conservazione (non tarlati, non ammuffiti, non fermentati, non fradici e/o eccessivamente maturi)
- Puliti da terriccio, foglie e/o altri corpi estranei
- Provenienti da aree non sospette di esposizione a fonti di inquinamento chimico o microbiologico (discariche di rifiuti, macerie, sponde di corsi d'acqua luridi, zone ad intenso traffico veicolare, stabilimenti industriali, forni inceneritori, cimiteri, culture trattate con antiparassitari)
I funghi che al controllo non risulteranno nelle condizioni previste dai punti sopra citati verranno precauzionalmente ritirati e distrutti.
I funghi determinati non mangerecci verranno immediatamente confiscati per la distruzione ai sensi dell'art. 16 L.. 283/62.
Il giudizio di commestibilitÓ dei funghi Ŕ valido solamente per i funghi presentati alla visita ispettiva e non per eventuali altri esemplari che lo stesso raccoglitore ha omesso di far determinare ai fini della commestibilitÓ.

 

[ Torna all'inizio della pagina ]


[ Torna all'inizio della pagina ]