[ Salta il menu e vai direttamente al contenuto ]

LA RACCOLTA E IL COMMERCIO DEI FUNGHI EPIGEI SPONTANEI IN PIEMONTE
La raccolta dei funghi spontanei in Piemonte
La Regione Piemonte, con la Legge Regionale 2 novembre 1982 n. 32 ha disciplinato la raccolta dei funghi nell'ambito dell'ampia materia di tutela e conservazione del patrimonio ambientale.

La Legge statale del 23 agosto 1993 n. 352, ed il relativo Regolamento di attuazione D.P.R. 376/95 hanno a loro volta fissato a livello nazionale, le norme di raccolta e commercializzazione dei funghi epigei freschi e conservati. Alla luce delle norme dettate dal legislatore la Regione Piemonte ha fornito chiarimenti interpretativi, verificando la compatibilitą delle precedenti disposizioni regionali con i dettami della sopraccitata legge statale (Circ. Reg. 24/ECO del 18 ottobre 1994).

  • LIMITI DI RACCOLTA ( artt. 19, 20, 21, L.R. 32; art. 4 L. 352/93): é consentita la raccolta di "funghi epigei" per una quantitą giornaliera ed individuale (es. "porcini" e "ovolo buono" n. 15 esemplari complessivamente), altre specie ( n. 20 esemplari - chiodino senza limite di raccolta). La L. 352/93 fissa limiti di peso per raccolta individuale e giornaliera ad un massimo di 3 Kg. Rimangono valide tutte le attribuzioni della legge regionale ai Comuni e Comunitą Montane circa l'emanazione di norme regolamentari specifiche.

 

  • MODALITA' DI RACCOLTA (art. 23 L.R. 32; art. 5 L. 352/93): é fatto divieto:

del danneggiamento dello stato umifero del terreno, del micelio fungino e dell'apparato radicale, di raccolta di carpofori non completamente sviluppati e privi di alcune caratteristiche morfologiche, di distruzione volontaria dei funghi di qualsiasi specie.

utilizzare per il trasporto e la raccolta l'uso di borse di plastica.

  • TESSERINO PER LA RACCOLTA DEI FUNGHI EPIGEI (artt. 22, 31, 32 L.R. 32; artt. 2, 6, 7, L. 352/93): il "tesserino" personale, a validitą annuale/settimanale/giornaliera, previsto dalla disciplina regionale viene riconosciuto compatibile con la "autorizzazione alla raccolta dei funghi epigei" introdotta dalla legge statale.

 

  • VIGILANZA E SANZIONI (artt. 36, 37, 38 L.R. 32; art.11 D.P.R. 376/95): tutti i raccoglitori che non ottemperino alle normative previste, incorrono in sanzioni amministrative, fatta salva l'applicazione delle vigenti norme penali qualora la violazione costituisca reato.

[ Torna all'inizio della pagina ]